Notizie

M. O.: Francia, denuncia vedova Arafat contro ignoti per omicidio

(AGI) - Parigi, 31 lug. - A quasi un mese dalle clamorose rivelazioni dell'emittente televisiva pan-araba 'al-Jazira' sull'avvelenamento di Yasser Arafat tramite contaminazione radioattiva da polonio-210 come possibile causa dell'improvvisa morte del leader dell'Anp nel novembre 2004, la vedova del defunto leader dell'Autorita' Nazionale Palestinese, Suha, e la figlia diciassettenne Zahwa hanno presentato denuncia contro ignoti per omicidio premeditato davanti al Tribunale di Nanterre, sobborgo occidentale di Parigi, avviando formalmente l'iter per l'apertura di un'inchiesta giudiziaria sul decesso.
  "Suha e Zahwa Arafat hanno completa fiducia nel sistema giudiziario francese", si legge in un comunicato diffuso dai loro legali. "In questa fase", e' la precisazione, "non rivolgono alcuna accusa nei confronti di una parte specifica, si tratti di uno Stato, di un'organizzazione ovvero di un individuo". Al quotidiano 'Le Figaro' la vedova ha pero' ribadito come "mio marito sia morto in una maniera strana", ed "esistano elementi che inducono a ritenere sia stato avvelenato".
  Arafat, all'epoca 75enne, si ammalo' all'improvviso il 12 ottobre di otto anni fa: trasferito immediatamente a Parigi dal suo quartier generale di Ramallah, in Cisgiordania, fu ricoverato d'urgenza nel reparto di Ematologia dell'ospedale militare di Percy a Clamart, sempre alla periferia ovest parigina, dove si spense l'11 novembre successivo dopo essere entrato in coma profondo qualche giorno prima.
  "E' sorprendente", incalza Suha sul giornale, "che uno Stato sovrano come la Francia non conosca le cause del decesso di un capo di Stato straniero, curato in uno dei suoi stessi ospedali". La donna afferma di aver cominciato a nutrire forti sospetti quando, alla sua richiesta di consegnarle i campioni di sangue e urina prelevati al consorte, si senti' rispondere dai dirigenti ospedalieri che erano stati distrutti gia' da quattro anni.
  "Questo mi sconcerta", osserva. "Perche' mai distruggere parte di una documentazione medica del genere? Yasser Arafat era un capo di Stato", insiste, "non un anziano paziente qualsiasi". Della misteriosa morte del primo presidente dell'Anp e' stato accusato esplicitamente Israele, che respinge peraltro ogni addebito. (AGI) .

Fonti: http://www.agi.it

ALTRE NOTIZIE



HOSTEL TEATRO INKA
TOURISM IN CUSCO